Street food a Milano, idee e consigli per il Fuori Salone

883-shutterstock-96618046_326x205_c

Parte la settimana del mobile e fino al 14 aprile Milano sarà la capitale italiana del design. Ma anche dello street food.

Ulaola – Quando la città è in fermento, come nel caso di Milano durante la settimana del Salone del Mobile, si viene travolti da mille attività. Se avete casa a Milano, vi troverete sommersi dalle richieste di ospitalità da parte di amici inattesi e rifiutarvi, sarebbe scortesia. Quindi, come risolvere la questione, superato lo scoglio dell’apertura del divano letto? Il problema più grande riguarda quello dei pasti: gestire preferenze, orari ed eventi potrebbe risultare più complicato del previsto. Ecco quindi che affidarvi allo street food potrebbe essere la risposta al vostro problema.

Sicuramente Milano non sarà New York in tema di cibo: l’attenzione alla linea e il regime salutista imperano sempre e comunque, ma in fondo trovare dei posticini dediti all’accumulo seriale di calorie è sempre dietro l’angolo. E non parlo dei fast food di fama mondiale, bensì delle leccornie nazionali che ci differenziano dal resto del mondo. Vi trovate nel cuore di Milano, zona Duomo, in giro per lampade alternative e la fame vi corrode l’intestino? Fermatevi dal pugliese più noto di Milano, Luini, che con i suoi panzerotti fritti pomodoro e mozzarella gestisce le file più lunghe della città con una rapidità che ha del magico: in poco meno di un quarto d’ora, vi ritroverete con una bontà calda e filante tra le mani, a un costo irrisorio, e potrete continuare indisturbati le vostre ricerche senza perdere tempo prezioso.

Al pugliese preferite il siciliano? L’Antica Focacceria San Francesco, succursale del locale di Palermo vi sfamerà con arancine e pane e panelle per farvi proseguire indisturbati i vostri frenetici giri. Non dimenticate di ordinare un cannolo pret-a-manger, però! Potreste pentirvene! Oppure, chiedete di Princi, uno dei forni più conosciuti e più amati per la varietà di pani, pizze al trancio e cibi porzionati da mangiare al volo: ne trovate diversi tra via Torino,Corso Como e Brera, a voi la scelta!

Siete già in zona Tortona, cuore pulsante di Salone e Fuorisalone e non vi vorreste allontanare? Appoggiatevi allora al volo a God save the food: potreste rimanere sorpresi dal numero di centrifugati a vostra disposizione, dal servizio fulmineo e dalla pulizia della cucina a vista. Il tutto per avere un pasto salutare, light e rapido, cosa che in questi giorni non sarà da da poco!

Se poi voleste unire l’utile al dilettevole, pranzando in un ambiente di design e acquistandogli articoli che vi stanno intorno, sedie e tavoli compresi, allora Verger in zona Moscova farà al caso vostro, con le sue installazioni dedicate ai giovani designer emergenti di cui si fa portavoce.

Via EXPO 2015

Annunci

Cortilia, organic Km Zero food – online –

Captura de Tela 2012-12-12 às 14.22.22

Better late than never, comes the platform for those who want to shop from local producers, but don’t have time. Cortilia is online, the first local farmer’s organic food market in sales and distribution network. And you can have it all at home. The network isn’t that large yet (available in Italy), but it’s a great initiative that can bring significative changes for both producers and consumers and also for those who aren’t a part of it, considering environmental and social gains.

Captura de Tela 2012-12-12 às 15.44.11

A Restaurant That’s Bartering Through the Recession


A Chicago restaurant is using an age-old method of payment to power through a faltering economy. Richard Wohn, the owner of Fireside Restaurant and Lounge on the northwest side of the city, has kept up a steady stream of customers who pay through bartering. Wohn told WBEZ he estimates about five to 10 percent of his business is the result of bartering, an average of about five tables a night.

But don’t go to the restaurant planning to make an on-the-spot deal; Fireside doesn’t directly barter with customers. The restaurant uses bartering websites like ITEX and International Monetary System, which act sort of like brokering services for thousands of businesses. Wohn has actually been bartering more informally for decades; the online system has simply made it easier to connect with businesses who offer services he needs.

“There are personal trainers, electricians, dentists, you name it,” says Joey Metler, the general manger of Fireside. “We just re-did our floors through the system. The guys gave us an estimate [through the site] and we gave them a credit equivalent to meals at the restaurant.”

Wohn has bought everything from tables to ice cream coolers to mixers to custom chocolates for the staff on Valentine’s Day through the online bartering system. He buys “excess inventory”—discounted items (usually up to 30 percent off) that otherwise wouldn’t sell at all. And the system isn’t limited to physical objects, either. Instead of getting a bonus, Metler went on a $2,000 vacation to Cancun using the barter system and ended up paying just $200.

“[Wohn] likes the bargain-hunting,” says Metler. “And it ends up being cheaper for us in the long run.”

photo courtesy of Fireside

via good magazine

New Company Brings Produce From the Roof to the Supermarket Aisle

BrightFarms

Growing produce on your roof is a productive way to take advantage of the space, but is it possible to make it commercially viable on a larger scale? A new company’s business model may show the way. New York-based BrightFarms, which builds rooftop greenhouses, hopes to turn a profit while cutting shoppers’ “food miles” down to zero by growing vegetables where people buy them: the supermarket.

BrightFarms is trying to convince major supermarket chains to hire them to cover vacant roofs with heirloom tomatoes, salad greens, and other produce. The company’s business plan is simple: they handle the labor and expense of farming—greenhouse design, construction, planting, and harvest—while participating supermarkets sign a 10-year contract agreeing to purchase whatever is grown on their rooftop. A store’s rooftop garden can produce as much as 500,000 pounds of produce a year, BrightFarms told Edible Manhattan.

“We grow for taste, not for shelf-life, and we pick when the vegetables are ripe,” CEO Paul Lightfoot explains in a video on BrightFarm’s website. Unlike industrial vegetable breeds, grown to endure cross-country road trips in the back of a truck, BrightFarms can pick the tastiest crop varieties with the highest nutrient content. And with hydroponic methods, they’ll use one-10th the water and one-20th the space of commercial agriculture.

BrightFarms intends to have their first three greenhouses up and running by summer 2012. But the team has had plenty of practice already, consulting on a demonstration greenhouse at a Whole Foods in New Jersey and the Science Barge, an educational urban farm located on a ship in the Hudson River.

photo courtesy of BrightFarms

via good magazine

What Does a Sustainable Restaurant Look Like?

The People's Supermarket

Celebrity chef Arthur Potts Dawson’s TED talk was recently posted, and is well worth a watch. His two sustainable restaurants, Acorn House and Water House, are furnished using recycled plastics, reclaimed wood, and rummage sale cushions (donated by his mum, who found the Norwegian Forestry-certified benches too hard). Water House, the more recently opened of the two, is actually a zero-carbon restaurant: Built next to a canal, it is entirely heated, cooled, and powered by hydroelectricity and heat exchange.

Potts Dawson’s passion is waste minimization. In the talk, he explains that his menu at Acorn House was created to allow “people to choose the amount and the volume of food that they wanted to consume, rather than me putting a dish down, and them being allowed to help themselves to as much or as little as they wanted.”

Later on, and with evident pride, he shows slides of his “dehydrating, desiccating macerator,” which turns food waste into a kind of vegetable jerky so that he can store it to compost later. His excitement is only slightly dimmed by the fact that when he experimentally added the jerky to his wormery, all the worms died.

His newest project, The People’s Supermarket, opened earlier this year in central London. I visited it last week, and it’s definitely still finding its way, but there are already several clever waste-reduction schemes in place, including an on-site kitchen so that as food nears its sell-by-date, co-op members can extend its shelf life by making it into prepared dishes.

Potts Dawson promises to open at least three more restaurants in this talk. Meanwhile, let’s hope other restaurant owners and chefs are inspired to follow his example.

La verdura fresca (e bio) arriva a casa con un sms

A Cigole, nel Bresciano, nasce «Ortaie»: il progetto di due cugine fashion-manager convertite all’agricoltura

Idee – servizio a domicilio a poche ore dal raccolto. La verdura fresca (e bio) arriva a casa con un sms

A Cigole, nel Bresciano, nasce «Ortaie»: il progetto di due cugine fashion-manager convertite all’agricoltura

Maria Vittoria Resta e Angelica Martinoni, di «Ortaie» (Fotogramma)
Maria Vittoria Resta e Angelica Martinoni, di «Ortaie» (Fotogramma)

Le donne dell’orto hanno detto sì. E così, la dove c’era il piccolo terreno di una contadina di Cigole, nel Bresciano, ora c’è un orto di 7.000 metri quadri che produce frutta e verdura per le famiglie che scelgono di essere servite a domicilio a poche ore dal raccolto. Mangiare cibi sani (anche) in una giungla d’asfalto come Milano, la sfida bucolica di Maria Vittoria Resta e Angelica Martinoni, fondatrici di «Ortaie». Un’idea nata dal successo che riscuotevano alle cene di famiglia le verdure di Gabriella Pettinari, oggi guru agricola di due cugine trentenni che hanno optato per un’inversione a «u» nella propria vita. Dal caos frenetico della moda al caos calmo del coltivare la terra. Angelica, dopo quattro anni a New York per Marni e Maria Vittoria che organizzava eventi per «Vogue», hanno iniziato ad arare la terra a gennaio. Ad aprile i primi raccolti, il 4 maggio la prima consegna. Solo frutta di stagione e varietà sempre nuove: «Quando siamo in giro incontriamo contadini che ci danno consigli e ci regalano le piantine dello loro terre», racconta Maria Vittoria.

Nell’orto di «Ortaie» sono arrivati carciofi del Lazio, fave di Capalbio, peperoncini e i pomodori pugliesi. E, dopo un’estate caldissima, un’invasione di pomodoro finita in conserve sotto vuoto. Le ragazze partono per il campo all’alba e tornano in città al tramonto. Curano l’intera fase della produzione usando solo antiparassitari naturali: concimano, seminano, strappano erbacce e raccolgono. Il martedì è giorno di consegna. Una media di 50 al giorno. «Ormai siamo allenate anche al raccolto negli orari caldi, la cosa più scomoda resta il traffico del centro di Milano», racconta Angelica alla guida del pulmino provvisoriamente affittato (presto ce ne sarà uno aziendale).

Il cliente sceglie il tipo di abbonamento compilando un modulo (a breve da www.ortaie.it sarà possibile anche ordinare online). In base alle abitudini delle famiglie (ogni volta schedate), le ragazze riempiono le scatole con i prodotti di giornata. Alla sera una pioggia di sms. Delle signore che raccontano ricette o delle mamme incredule per i loro bambini che iniziano a mangiare verdura: «Una nonna ci ha scritto che ha svezzato il nipotino con le nostre zucchine».

Stefano Landi

Via corriere.it

Burger King apre in Baviera il primo eco fast-food

Anche i fast food puntano alla ecososteniblità… e cominciano a maturare una coscienza ambientale. Burger King ha infatti inaugurato a Waghausel, in Baviera, il primoeco fast-food, un ristorante ad alta efficienza energetica, ovvero una nuova tipologia di locale a basso consumo dienergia ed emissioni di CO2. Il prototipo, realizzato in collaborazione con Wirsol Solar Ag, “utilizza una tecnologia d’avanguardia e fonti di energia rinnovabile, che -spiega una nota- consentono di risparmiare oltre il 45% di elettricita’, grazie all’utilizzo di sistemi fotovoltaici ed eolici“.

RISPARMIO ENERGETICO
L’adozione del nuovo sistema -prosegue- si traduce in un risparmio energetico complessivo di oltre 120 tonnellate di CO2 all’anno“. In particolare, la nuova tipologia di ristorante si auto-sostiene per circa un terzo del suo fabbisogno energetico consentendo di risparmiare anche sui costi di gestione a lungo termine.

EFFICIENZA ENERGETICA, UNA MODA TRENDY
Con l’apertura di questo ristorante, si introduce un concetto di efficienza energetica che fara’ tendenza, in linea con il nostro programma globale di responsabilita’ sociale e con il nostro impegno ambientale“, ha spiegato Jonathan Fitzpatrick, general manager di Buger King in Germania.

IL PRIMO ECO FAST-FOOD
Il progetto pilota di eco-fast food, inoltre, ha un design ‘futuristico’ ed e’ dotato della tecnologia e dei componenti edilizi a efficienza energetica piu’ moderni. Un sistema di utilizzo del calore garantisce il recupero del 73% dell’energia primaria sfruttata, mentre i sistemi fotovoltaici e ad energia eolica fanno risparmiare fino al 45% di elettricita’, in confronto ai ristoranti standard.

COME SI PRODUCE ENERGIA NELL’ECO FAST-FOOD
Il fattore determinante -spiega Heinz-Peter Dickes, Responsabile Sviluppo Burger King per l’Europa Centrale- e’ la combinazione di una costruzione a efficienza energetica con l’uso ottimale del potenziale energetico esistente e la generazione di elettricita’ mediante i sistemi propri del ristorante, ottenuta a un costo che rende possibile la produzione in serie“. In particolare, nel fast food ‘verde’, 723 pannelli solari generano oltre 53.500 kWh di elettricita’ all’anno, che corrispondono al consumo di 15 abitazioni abitate da quattro persone per 12 mesi.
Luci Led a lunga durata, inoltre, riducono del 55% il consumo di energia per l’illuminazione. “Il fatto che le nostre soluzioni fotovoltaiche possano integrarsi nel concept dei ristoranti Burger King in tutto il mondo dimostra che l’energia rinnovabile sta diventando sempre piu’ importante anche per l’economia” spiega Markus Wirth, Ceo di Wirsol.

LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA
La produzione di acqua calda che, in un tipico ristorante Burger King incide per quasi la meta’ del consumo energetico, puo’ essere oggi ottenuta semplicemente usando la perdita di calore in eccesso dell’energia generata.

SI RISPARMIA ANCHE COSI’…
A Waghausel, il tipico traliccio elettrico delle pubblicita’ sara’ sostituito da una turbina eolica, capace di contribuire all’alimentazione elettrica del ristorante per un valore fino a 2.500 kWh. La sede sara’ dotata anche di una postazione di ricarica elettrica a energia solare.

via