Icon’s “Rethink”: turning receipts into ‘paper apps’

Icon magazine asked us to contribute to their monthly “Rethink” feature, where current and commonplace objects are re-imagined.

Icon #97 Rethink: redesigning the receipt

We continued some of the thinking from our “Media Surfaces” work with Dentsu, around how retail receipts could make the most of the information systems that modern point-of-sales machines are plugged into…

Icon #97 Rethink: redesigning the receipt

A little quote from our piece:

We’ve added semi-useful info-visualisation of the foods ordered based on “what the till knows” – sparklines, trends – and low-tech personalisation of information that might be useful to regulars. Customers can select events or news stories they are interested in by ticking a check box.

We think the humble receipt could be something like a paper “app” and be valuable in small and playful ways.

Icon #97 Rethink: redesigning the receipt

Read all about it in this month’s Icon #97, available at all good newsagents!

Via berglondon.com

Annunci

STRATEGIC COOK – CORSO DI CUCINA PER CUOCHI FURBI

Ricomincia il corso di cucina per cuochi furbi STRATEGIC COOK in Appartamento LAGO. Andrea Vigna (chef e dj resident) vi svelerà i trucchi che faranno di voi dei veri maghi della cucina. Ogni lezione dura almeno 4 piacevoli ore e alla fine si gusta tutti assieme il frutto delle proprie fatiche. Scarica il pdf con tutte le lezioni. Per informazioni e prenotazioni g.cistino@fooda.org. Pronti?

Quando
Lezione 1 Martedì 24 maggio dalle 18.30
Lezione 2 Mercoledì 1 giugno dalle 18.30
Lezione 3 Venerdì 10 giugno dalle 18.30
Lezione 4 Mercoledì 15 giugno dalle 18.30
Lezione 5 Venerdì 24 giugno dalle 18.30

CORSO DI CUCINA IN APPARTAMENTO LAGO

Si aprano le ante. Cantino i fuochi. Danzino le lame.
L’Appartamento si apre alle voglie di cavalieri e dame.
Citofonate chiamate presto prenotate.
Venite accorrete, tosto salite.
Chi ha fame di sapere imparerà le basi.
Chi vuole divertirsi apprenderà a godere.
Sfrigola guarnisci taglia e affetta.
Mescola rosola friggi e sfiletta.
Andrea Vigna vi condurra la mano.
Trentaseieotto vi farà da piano.

Vi presentiamo il primo corso di cucina Made in Appartamento LAGO. Sei lezioni per imparare a cavarsela in ogni occasione e stupire gli ospiti più esigenti. Le lezioni prenderanno il via già a Dicembre e saranno tenute in Appartamento nei fine settimana. A fine lezione potrete scambiarvi pareri e bocconi cenando tutti insieme in Appartamento.

Il corso è organizzato da FOODA e condotto da Andrea Vigna, cuoco-dj che si premurerà di abbinare suoni e musiche consone al menù e al tema di ogni lezione.
Da questo link potete scaricare il pdf con tutte le informazioni, gli orari, le condizioni.

LEZIONI:

1. COME PER MAGIA
Come dimostrarsi abilissime cuoche senza fatica

2. PRENDILO PER LA GOLA
Una cena romantica perfetta

3. TESORO, STASERA C’E’ MIA MADREA A CENA
Come stupire i tuoi parenti a tavola

4. MA ALLORA SAI ANCHE CUCINARE?!
Manicaretti per amici invidiosi e scettici

5. L’HO FATTA CON LE MIE MANI
Il dolce perfetto in ogni occasione

6. UN UOMO DA SPOSARE
Re dei fornelli per un giorno


MORDI E FUGGI – INVITO A PARTECIPARE

MORDI E FUGGI

FOODA | Food Design Association vi invita a partecipare al progetto MORDI E FUGGI nell’ambito della mostra INSTANT DESIGN che si svolgerà presso la Triennale di Milano da martedì 26 ottobre a domenica 14 novembre.

Il progetto coinvolge designer, chef, artisti e studiosi invitandoli a progettare ricette basate su modi di dire legate al cibo. Ad ognuno è chiesto di interpretare una delle espressioni proposte sotto forma di ricetta (ingredienti e procedimento) e di illustrazione (illustrando la modalità di servizio o la forma finale che assume il piatto o la modalità di assunzione).

Vi chiediamo di sovvertire la costruzione del senso nel processo progettuale partendo dal significato per arrivare al significante.
Cosa troveremmo in tavola se dovessimo ingoiare il rospo o magiare la foglia?
Come si sfiletta la faccia da pesce lesso?
Piangere sul latte versato lo rende più digeribile?

Durante l’inaugurazione i progetti pervenuti saranno sottoposti al giudizio di una giuria di lumache esperte di food design che determineranno i lavori migliori divorandoli prima degli altri.

Trovate i dettagli sulle modalità di partecipazione nel regolamento visualizzare a questo indirizzo.

Grazie a tutti e buon divertimento.

P.S.

Affrettatevi!

Which Naturals Are Backed By Serious Science?

Ever met a grandmother who swears her still-youthful glow is thanks to a lifetime of shea butter? Depending what part of the world you or your ancestors hail from, you may have grown up with some promise or other about the powers of natural beauty.

Of course, the personal-care business has figured this out. When researching the book, we spoke to an industry toxicologist who explained how it works: Companies conduct market research to find out what words folks respond to most—aloe! shea! vitamin C!—then they sprinkle a tiny bit of the popular ones into an otherwise crappy product. (To get an idea how much of that lauded ingredient is in your product, check the label: Ingredients are listed in descending order of concentration, so if it’s near the middle or bottom, you’re  being ripped off.)

What about when these naturals are used properly, though? Do pure, topical ingredients from nature have any science behind them? As it turns out, yes, many of them do. We’ve compiled a list of eleven heavy hitters. But we also want to hear from you: Does your family have any natural beauty secrets that work? What have you tried and liked?

Argan oil: Nicknamed “liquid gold,” Morrocan women swear by this stuff to treat everything from wrinkles and psoriasis to burns and acne. Science is still catching up but argan is extremely rich in linoleic acid, which applied topically is proven to reduce acne, and vitamin E, an antiager that may reduce scarring as well.
Aloe vera: Even if your mom wasn’t a hippie you know that aloe vera gel has calming and restorative properties straight from the plant. Science says that it’s antibacterial and has been proven to speed wound healing in rats. In humans who’d undergone dermabrasion treatment, damaged skin healed 72 hours faster when aloe was applied.
Baking soda: It will wash your sink, but it will also whiten your teethbanish your bad breath, and deodorize bad smells—including your own.
Coconut oil: With a molecular structure that allows it to penetrate skin and hair, both preventing water loss and replacing lipids that deplete with aging, it’s a double winner. Science says it also accelerates wound healing, can help treat eczema, and has shown to be therapeutic in the treatment of acne.
Green tea: We should all be drinking it, but topical application of green tea has lots of science on its side, too. Several studies have shown it to reduce the effects of UV damage, enhance wound healing, and treat acne. Green tea is also anti-inflammatory and can help reduce the redness associated with rosacea.
Honey: Before we had antibiotics we had honey, which was frequently used in wound dressing to accelerate healing. It’s no surprise then that science says it does, in fact, do just that. Its topical application also demonstrates antibacterial action, and helps prevent scarring. (It’s good on toast, too.)
Olive oil: Just when you thought you’d heard everything there is to know about the powers of olive oil: A 2000 study done on mice indicated that topical application of olive oil after UVB exposure effectively reduced the rodents’ chances of developing skin tumors. Already proven to be a powerful antioxidant in food, olive oil may play an exciting role in reducing DNA damage in skin, too.
Propolis: Bees use propolis, an antimicrobial resin, to sterilize their hives, and a variety of studies have shown its properties to benefit human health—from reducing the duration of common colds to slowing the proliferation of cancer cells. Topically, propolis functions as an antioxidant and anti-inflammatory proven to protect skin against photodamage, it’s more antibacterial than honey, and is even effective against cold sores.
Shea butter: West African women (and grandmas) have been using this stuff forever. Not only does its application exhibit powerful anti-inflammatory properties but recent studies are indicating that cinnamic acid (found in shea) reduces the effects of UV damage. Just make sure to choose a brand that’s sourced fairly, like Alaffia.
Vitamin C: You can’t soak your face in orange juice to get the topical benefits of this powerful antioxidant, but a good natural cream or serum containing L-ascorbic acid (vitamin C), which in its stable form helps the skin fight free-radical damage, reduces redness, stimulates wound healing, and helps minimize fine wrinkles.
Tea tree oil: When it comes to acne, this is your friendly alternative to that beast benzoyl peroxide, which has beenlinked to cancer and is banned in Europe. A comparative study found tea tree oil to be just as effective as BP for treating pimples, if a little bit slower on the draw. On the plus side? It exhibited fewer side effects.

This is the eighth installment in a series inspired by No More Dirty Looks: The Truth About Your Beauty Products and the Ultimate Guide to Safe and Clean Cosmetics, a forthcoming book by GOOD’s features editor Siobhan O’Connor and her co-author Alexandra Spunt. It will run every Thursday.

Illustrations by Brianna Harden

Via

FOOD IN THE CITY

Il 13 di Giugno si chiuderà la Milano Food Week. Per l’occasione FOODA organizza uno speed date gastronomico a cui puoi partecipare da solo o con i tuoi amici.

Basterà inviare una mail a info@fooda.org e recarsi il 13/06 dalle 12:00 in avanti presso l’Acquario civico di Milano con due cestini pranzo.

Per maggiori informazioni consulta:

http://foodinthecity.tumblr.com/

Il progetto FOOD IN THE CITY nasce da una riflessione sulla natura delle implicazioni sociali del convivio e dalla volontà di sperimentare nuove forme conviviali estese portadole nella città come risposta materiale alla diffusione dei social network. Un esperimento e un primo passo che FOODA muove nellaricerca progettuale del linguaggio degli Atti Alimentari (o food design).

Il linguaggio degli Atti Alimentari è un complesso sistema di segni e simboli dove gli atti conviviali, il cum vivere, contribuisce a costruirne la manifestazione estetica. Più che in ogni altro luogo della casa è infatti a tavola che le relazioni e le strutture gerarchiche, i rapporti e le problematiche vengono manifestate e regolarizzate sul piano dei rapporti sociali.

E’ nei riti che circondano la tavola che l’uomo manifesta la propria natura sociale. Celebrando in un rituale collettivo la propria rigenerazione quotidiana, egli impiega il gesto della comunione alimentare come veicolo di comunicazione. La mensa e la tavola hanno infatti, un forte valore simbolico che ci permette di manifestare la nostra identità, quella del sistema sociale cui aderiamo e il nostro modo di intendere la vita.

Sin dall’antichità, dall’agorà greca, dal foro romano e, ancor prima fino agli spazi virtuali delle piattaforme virtuali di socializzazione, la piazza ha mantenuto, pur mutando in modelli e sistemi differenti, la sua caratteristica principale di luogo di forti concentrazioni culturali e sociali.
La piazza è dunque, prima di ogni altra cosa, scena della vita collettiva mezzo per la celebrazione di miti e di riti e per questo scelta da FOODA come scenario “naturale” in cui realizzare un evento di socia(bi)lità, con cui rendere evidente il rapporto indivisibile che esiste tra il linguaggio (nelle sue forme e soprattutto in quella culinaria) e la creazione dei rapporti sociali.

Attualizzando il pensiero, potremmo definirlo un evento di materializzazione delle nuove forme della socialità che i social network rendono possibile con la condivisione estemporanea di forme di linguaggio complementari alla parola e al convivio.

Fabrizio De André – ‘A çimma

Artista: Fabrizio De Andrè
Album: In Direzione Ostinata E Contraria
Titolo: ‘A çimma La cima


Ti t’adesciàe ‘nsce l’èndegu du matin

ch’à luxe a l’à ‘n pè ‘n tera e l’àtru in mà

Ti sveglierai sull’indaco del mattino

quando la luce ha un piede in terra e l’ altro in mare

ti t’ammiàe a ou spègiu dà ruzà

ti mettiàe ou brùgu rèdennu’nte ‘n cantùn

ti guarderai allo specchio di un tegamino

metterai la scopa dritta in un angolo

che se d’à cappa a sgùggia ‘n cuxin-a stria

a xeùa de cuntà ‘e pàgge che ghe sùn

‘a cimma a l’è za pinn-a a l’è za cùxia

che se dalla cappa scivola in cucina la strega

a forza di contare le paglie che ci sono

la cima è già piena è già cucita

Cè serèn tèra scùa

carne tènia nu fàte nèigra

nu turnà dùa

Cielo sereno terra scura

carne tenera non diventare nera

non ritornare dura

Bell’oueggè strapunta de tùttu bun

prima de battezàlu ‘ntou prebuggiun

Bel guanciale materasso di ogni ben di Dio

prima di battezzarla nelle erbe aromatiche

cun dui aguggiuìn dritu ‘n pùnta de pè

da sùrvia ‘n zù fitu ti ‘a punziggè

àia de lùn-a vègia de ciaèu de nègia

con due grossi aghi dritti in punta di piedi

da sopra a sotto svelto la pungerai

aria di luna vecchia di chiarore di nebbia

ch’ou cègu ou pèrde ‘a tèsta l’àse ou sentè

oudù de mà misciòu de pèrsa lègia

cos’àtru fa cos’àtru dàghe a ou cè

che il chierico perde la testa e l’asino il sentiero

odore di mare mescolato a maggiorana leggera

cos’altro fare cos’altro dare al cielo

Cè serèn tèra scùa

carne tènia nu fàte nèigra

Cielo sereno terra scura

carne tenera non diventare nera

nu turnà dùa

e ‘nt’ou nùme de Maria

non ritornare dura

e nel nome di Maria

tùtti diài da sta pùgnatta

anène via

tutti i diavoli da questa pentola

andate via

Poi vegnan a pigiàtela i càmè

te lascian tùttu ou fùmmu d’ou toèu mestè

Poi vengono a prendertela i camerieri

ti lasciano tutto il fumo del tuo mestiere

tucca a ou fantin à prima coutelà

mangè mangè nu sèi chi ve mangià

tocca allo scapolo la prima coltellata

mangiate mangiate non sapete chi vi mangerà

Cè serèn tèra scùa

carne tènia nu fàte nèigra

nu turnà dùa

e ‘nt’ou nùme de Maria

tùtti diài da sta pùgnatta

anène via.

Cielo sereno terra scura

carne tenera non diventare nera

non ritornare dura

e nel nome di Maria

tutti i diavoli da questa pentola

andate via