Michael Pollan’s Food Rules

Based on Michael Pollan’s talk “Food Rules” given at the RSA, this animation was created in the context of the RSA/Nominet Trust film competition. Using a mixture of stop-motion and compositing, our aim and challenge was to convey the topic in a visually interesting way using a variety of different food products. We made a little table top set up at home and worked on this a little over three weeks.

More information available at benoitdetalle.com/food-rules

Here are also some photos of Michael Pollan’s Food Rules in the making
flickr.com/photos/horror_vacui/sets/72157629336379435/

 

By 
WebMD Health News

Reviewed by Louise Chang, MD

 ——————————————-

Also read a post from WebMD, March 23, 2009

————————————-

— We Americans suffer a national eating disorder: our unhealthy obsession with healthy eating.

That’s the diagnosis delivered by food author Michael Pollan in a lecture given last week to an overflow crowd of CDC scientists.

As part of an effort to bring new ideas to the national debate on food issues, the CDC invited Pollan — a harsh critic of U.S. food policies — to address CDC researchers and to meet with leaders of the federal agency.

“The French paradox is that they have better heart health than we do despite being a cheese-eating, wine-swilling, fois-gras-gobbling people,” Pollan said. “The American paradox is we are a people who worry unreasonably about dietary health yet have the worst diet in the world.”

In various parts of the world, Pollan noted, necessity has forced human beings to adapt to all kinds of diets.

“The Masai subsist on cattle blood and meat and milk and little else. Native Americans subsist on beans and maize. And the Inuit in Greenland subsist on whale blubber and a little bit of lichen,” he said. “The irony is, the one diet we have invented for ourselves — the Western diet — is the one that makes us sick.”

Snowballing rates of obesity, diabetes, and heart disease in the U.S. can be traced to our unhealthy diet. So how do we change?

7 Words & 7 Rules for Eating

Pollan says everything he’s learned about food and health can be summed up in seven words: “Eat food, not too much, mostly plants.”

Probably the first two words are most important. “Eat food” means to eat real food — vegetables, fruits, whole grains, and, yes, fish and meat — and to avoid what Pollan calls “edible food-like substances.”

Here’s how:

  1. Don’t eat anything your great grandmother wouldn’t recognize as food. “When you pick up that box of portable yogurt tubes, or eat something with 15 ingredients you can’t pronounce, ask yourself, “What are those things doing there?” Pollan says.
  2. Don’t eat anything with more than five ingredients, or ingredients you can’t pronounce.
  3. Stay out of the middle of the supermarket; shop on the perimeter of the store. Real food tends to be on the outer edge of the store near the loading docks, where it can be replaced with fresh foods when it goes bad.
  4.  Don’t eat anything that won’t eventually rot. “There are exceptions — honey — but as a rule, things like Twinkies that never go bad aren’t food,” Pollan says.
  5. It is not just what you eat but how you eat. “Always leave the table a little hungry,” Pollan says. “Many cultures have rules that you stop eating before you are full. In Japan, they say eat until you are four-fifths full. Islamic culture has a similar rule, and in German culture they say, ‘Tie off the sack before it’s full.'”
  6. Families traditionally ate together, around a table and not a TV, at regular meal times. It’s a good tradition. Enjoy meals with the people you love. “Remember when eating between meals felt wrong?” Pollan asks.
  7. Don’t buy food where you buy your gasoline. In the U.S., 20% of food is eaten in the car.
Annunci

Restaurant & Bar Design Awards 2013

02

The 2013 Restaurant & Bar Design Awards is now open for entries. The competition seeks submissions from the world’s leading architects, interior and lighting designers and hospitality operators.

An independent annual awards programme, the Restaurant & Bar Design Awards is the only international concept of its kind, dedicated exclusively to celebrating the best food and beverage spaces from around the globe, in all types of environments including hotels, transport, business, culture, leisure and retail.

The 2013 awards are open to design projects completed between January 1 and December 31, 2012. A project entry must be a collaborative submission from both the design studio and hospitality operator.

Entries across 21 categories will be judged by a panel of highly influential design, food, lifestyle and hospitality personalities, including: The Times (UK) Restaurant Critic, Giles Coren; Chef Restaurateur, Tom Aitkens; JIA Boutique Hotels owner, Yenn Wong; and Moooi Founder and CEO, Casper Vissers.

The deadline for submissions is April 14, 2013.

read more: restaurantandbardesignawards.com

05

Electrolux Design Lab 2013

Electrolux-3C.indd

 

Through Electrolux Design Lab  2013, we are calling on design students worldwide to compete for a six-month paid internship and prize money by submitting ideas for a design solution that considers evolving challenges set to shape our future. We are excited to announce that for this year’s theme we have chosen the growth of ‘urbanisation’, where space is becoming limited as an increasing number of the population shift from living in open rural locations into densely populated areas. We have asked design students to answer the question ‘what role can design play to ensure that we are prepared and equipped for this social adaptation?’

For the first time since the competition began ten years ago, we are offering the applicants three focus areas to choose from within the theme of ‘urbanisation’ – social cooking, natural air and effortless cleaning. Plus, in 2013, the brief goes beyond the traditional ‘industrial design’ category and includes consumables and services.

Electrolux-1C.indd

 

For us at Electrolux it is important to view design from a broad perspective; all design solutions that enhance the lifestyles and living environments of our consumers are relevant for us to explore. This is why we want to expand the Design Lab competition in 2013 and invite ideas for products, accessories, consumables and services within these three key focus areas for future households.

What’s new for Design Lab 2013

 

  • Taking concepts from further afield:
    The entry can be a product, accessory, consumable or service, which allows design students from different fields of design to be creative in their approach in finding innovative design solutions for future households.
  • Online competition hub:
    The best submissions will be published online, offering the students and the public a chance to promote their submissions through social media.
  • The concept development process:
    The competition divides the design process into stages, allowing the applicants to concentrate on different areas throughout the process. The first focus is on creating the concept, leading through to the visual presentation and technical specifications, allowing the top submissions to continue to develop during the competition.
  • Feedback from Electrolux professionals:
    As the judging is being conducted in different stages, only the best entrants will proceed to the next round in the competition. Electrolux professionals will be part of the selection process and will choose the best submissions. They will engage themselves in the competition by giving feedback to the entrants, encouraging them throughout the process.

 

The submission deadline for the first competition stage, a concept description and a sketch, is 15th March 2013. The submission page will open in February, more information to be followed on this page. For more information regarding the theme and the competition rules, please see the 2013 brief2013 student presentation and 2013 competition rules sections. We wish the best of luck to all of those taking part in the competition!

VIA

Il cibo “coming soon”

di Eleonora Cozzella

Dal Fancy Food Show di Washington in anteprima il cibo che mangeremo, con organic e gluten free come parole d’ordine. Ecco cosa porteremo in tavola tra qualità, innovazione e tante curiosità: dal popcorn che diventa gourmet alle tavolette di cioccolato che sposano le patatine fritte al bio che converte anche il cibo spazzatura.

È come la notte degli Oscar, ma le ambitissime statuite dorate hanno il cappello da cuoco e portano in mano un vassoio con coprivivande. Per il resto, a parte un’atmosfera più rilassata, le differenze sono ben poche, si limitano a riprodurre in versione alimentare tutto quello che la più famosa serata hollywoodiana è per il cinema: c’è l’arrivo dei finalisti sul red carpet, il discorso (breve: non più di un minuto è la raccomandazione degli organzzatori) dei vincitori, la star – della cucina, s’intende, quest’anno Cat Cora – ad annunciare che “and the winner is…”.
Si tratta dei Sofi Awards con i quali il NASFT, National Association for the Specialty Food Trade, ogni anno premia i migliori prodotti (per qualità e/o innovazione) del mondo del food & beverages nell’ambito del Fancy Food Show di Washington. Una giuria formata da giornalisti gastronomici, cuochi, importanti buyer del settore alimentare, esperti di marketing, passa cinque giorni a esaminare i prodotti candidati, poi stila la classifica dei finalisti, divisi in 33 categorie (dagli snack al cioccolato, dalle salse alla pasta, dai prodotti da forno alle carni conservate, dai formaggi ai surgelati ecc.).

I prodotti sono poi sistemati in vetrine da esposizione. Chi si registra può assaggiare e votare. Un metodo forse migliorabile ma sicuramente chiaro, per assegnare il riconoscimento più importante in un mercato alimentare da 70 miliardi di dollari. Almeno ai food-lover americani è chiaro che cosa voglia dire l’equivalente del più misterioso marchio “eletto prodotto dell’anno” che sentiamo nella pubblicità in tv rivolto ai prodotti più vari, dal dentifricio ai medaglioni di prosciutto, senza che nessuno ci abbia mai detto chi elegge che cosa, quando, come e perché.

Comunque, non stupisce che il Fancy Food Show, immenso meeting del B2B (180mila prodotti esposti di 2500 produttori da 80 Paesi), giunto  alla 57esima edizione (ce n’è uno estivo e uno invernale), sia il quartier generale in cui i trend setter dettano le tendenze: dolce o salato, di nicchia o industriale, da masticare o sorseggiare, dal packaging innovativo o che strizza l’occhio alla tradizione, il cibo ‘coming soon’ passa da qui, come in un enorme catalogo 3D dei prodotti che si troveranno a breve sugli scaffali dei supermercati e soprattutto nei negozi di delicatessen.

Allora che cosa ci aspetta nei prossimi mesi? Le parole d’ordine sono organic e gluten free – ovviamente senza rinunciare al gusto – tra alta qualità, innovazione e mille curiosità.

Il primo mantra che salta agli occhi è organic, biologico. Anche gli alimenti che siamo abituati a pensare come “non sani” acquistano una loro dignità incontrando in un processo sia pure industriale, una matura attenzione alla materia prima. Basti pensare al simbolo del mangiare casalingo veloce (e grasso) americano, il burro d’arachidi. Resta grasso emblema del comfort food, ma adesso i produttori ci raccontano dove sono coltivate le arachidi da agricoltura biologica no ogm, come vengono rese crema e messe in barattoli completamente privi di conservanti.  Per esempio Sunland Peanut butter è sia nella ricetta tradizionale, sia nei gusti novità (al peperoncino, alla ciliegia e vaniglia, al cioccolato fondente, alla banana e molti altri) è 100% bio. E in più è kosher. Ed ecco un altro trend in costante crescita, tanto che l’ambasciata italiana a Washington ha organizzato nei giorni del Fancy un incontro con i produttori italiani per illustrare le potenzialità di uno sviluppo della produzione in questo senso.


Kosher sono anche le patatine in sacchetto di Food Should Taste Good: la novità è che sono patate dolci, decisamente deliziose, con una maniacale attenzione a tutte le certificazioni possibili: ogm free, kosher, senza colesterolo, a basso contenuto d sodio, vegan, senza conservanti, coloranti o aromatizzanti. E hanno la certificazione gluten free. Altro trend incredibile, che apre a business infiniti, è quello appunto del senza glutine, che in Usa sta vivendo un periodo modaiolo, dopo che numerose star del cinema si sono professate osservanti di una dieta senza questo complesso proteico. Così, quello che in Italia è giustamente considerato un disagio serio, la celiachia, che impone un’alimentazione che sia priva di derivati dal grano e tutti i cereali con glutine (farro, kamut, spelta, orzo, seitan ecc.), in Usa non è l’unico motivo per cercare prodotti gluten free.

I produttori li consigliano ad atleti, a chi vuol dimagrire, agli anziani e, a chi ha disturbi legati all’autismo e a quanti “vogliano migliorare la salute e la qualità della vita” (come dice la chef e piccola produttrice panamense Melissa De Leòn che usa farina di taro per le sue creazioni). Tra i nuovi adepti del gluten free, Jenny McCarthy, convinta che il glutine abbia contribuito alla forma di autismo di suo figlio, Gwyneth Paltrow che usa i prodotti alternativi per dimagrire, Elisabeth Hasselbeck secondo cui era il glutine la causa dei suoi passati dolori cronici. A detta di tutti poi senza glutine la pelle è più luminosa, la notte si dorme meglio e ci si libera di molte altre allergie. Quindi sappiate cari celiaci: in Usa gluten free is cool!

Ma siccome nella ‘moda’ anche alimentare c’è posto per tutto e il contrario di tutto, continua il successo della pasta made in Italy e sono affollati gli stand dei produttori che dalla penisola portano paccheri, fusilli e gli amati spaghetti. E che non dimenticano, anche qui, di ampliare le loro linee con l’integrale e l’organic. Dal campano Di Martino al trentino Felicetti, i nostri portabandiera dell’italian style a tavola vanno forte, anche con il bio e la tracciabilità.
“Gli Stati Uniti sono per la pasta italiana uno dei mercati di riferimento insieme con Germania e Giappone – ricorda il presidente dell‘Unione Industriale Pastai Italiani, Riccardo Felicetti – con i suoi 140 milioni di euro di pasta esportata nel 2010. E il nostro bio conquista sempre più la fiducia dei consumatori statunitensi, con una crescita di oltre il 20% l’anno”.
Ma non basta dire pasta. Ora i foodie amano sapere che cosa c’è nella loro confezione. Dunque non stupisce che a Washington gli stand della linea monograno Felicetti e del Pastificio dei Campi (dalle cui confezioni attraverso Google map è addirittura possibile risalire al campo da cui proviene il grano di quella specifica quantità) siano affollati.

Ma gli chef italiani stiano in guardia. I coreani hanno deciso di farci concorrenza sul mercato della ristorazione e sfoderano qualità, stagionalità e salubrità cucinati con talento ed eleganza. C’è la coda al mini-ristorante in Fiera guidato da Akira Back, che si esibisce in Kogi taco, Galbi Jjim, Ssam e affascinanti cocktail korean style.
Se dall’Asia iniziamo ad apprezzare prodotti prima sconosciuti, come il kimchi o l’aglio nero fermentato, anche l’occidente può stupire rinnovando vecchi ingredienti.

Questo, per esempio, sarà l’anno del pop corn. Può far sorridere, ma è così. Da semplice snack da sgranocchiare davanti alla tv diventa oggetto di abbinamenti interessanti. Da quello al Cheddar o al tartufo nero di “Degrees pop corn” a quello con infuso di Bourbon di “Metropolitan Bakery” a quello dell’antica ricetta di famiglia al burro, sale e zucchero di canna caramellato che i Fisher ancora fanno a mano come quando aprirono la loro azienda 70 anni fa. E anche gli chef, come il blasonato Mathias Dahlgren nel suo ristorante al Grand Hotel di Stoccolma lo serve caldo per aperitivo con tartufo bianco lamellato al momento.

Ingredienti poveri e ricchi insieme, dolci e salati. Se il pop corn incontra il tartufo, le patatine fritte sposano il cioccolato sia nei nei piatti degli chef (provare per credere al ristorante Oyamel di Washington le gustose patate fritte dello chef Joe Raffa con mole poblano sauce di mandorle, peperoncino e cioccolato con formaggio fresco) che nelle tavolette artigianali di Chuao.

A proposito di cioccolato, la moda ormai è di decorarlo in modo che sembri tessuto o carta. Grazie a speciali decorazioni commestibili, inchiostri e tatuaggi (i cake tattoo di Duff Goldman) ci saranno  torte e cioccolatini bellissimi  ad allietare i party. E per i brindisi? I wine lover giustamente storceranno il naso ma prendono piede i vini (Semillon e Merlot di Didier Goubet dalla Francia, senza solfiti e organic, ça va sans dire) e gli spumanti analcolici alla frutta (prodotto presentato dalla Svezia). Perché anche astemi, giovanissimi e donne in dolce attesa possano alzare i calici.

Via LaRepubblica

Slideluck Potshow

milaniii_small Ritorna a Milano SLIDELUCK POTSHOW!!

Dai termini SLIDESHOW (proiezione di diapositive) e POTLUCK (pasto condiviso), l’iniziativa consiste in una serata di proiezioni accompagnate da un banchetto collettivo e informale.
Il progetto, nato dal fotografo newyorkese Casey Kelbaugh, vuole essere un’occasione per riunire persone appassionate di fotografia e video, professionisti e non, in una serata d’incontro e confronto.

L’EVENTO E’ GRATUITOCHIUNQUE è invitato a partecipare con un contributo in cibo o bevande che sarà condiviso con tutti.

Milano – 9 giugno 2011

SE VOLETE PARTECIPARE CON UN VOSTRO LAVORO, siete pregati di inviare una mail a:

milan@slideluckpotshow.com
con oggetto: “Partecipazione SLPS Milan_03”

Vi verranno, quindi,  inviati i dati FTP per poter caricare il vostro materiale, le specifiche tecniche e un breve questionario.

COME PRESENTARE I PROGETTI:

  • Tema: libero
  • Durata: Massimo 5 minuti compresi i titoli di testa e di coda.
    I titoli di testa dovranno riportare il nome dell’autore e il titolo del lavoro.
    I titoli di coda, invece, dovranno riportare il nome dell’autore, i suoi contatti, e i crediti del brano musicale utilizzato.
    (I titoli di testa e di coda dovranno essere scritti in bianco su fondo nero).
  • Formato: “.mov” con codec “H.264″
  • Dimensioni: 1024 x 768 pixel se lavorate in 4:3
    oppure HD (1280×720 pixel) o Full HD (1920×1080)
  • Audio: mp3 o AAC, stereo, 48 khz
  • Peso: intorno ai 250MB

TERMINE DI SCADENZA PER LA CONSEGNA
Il termine ultimo per la raccolta dei lavori è martedì 31 maggio 2011

Per i limiti di tempo imposti dalla serata sarà fatta una selezione a cura degli organizzatori, con l’intento di mostrare il maggior numero di opere possibile.

Non ci sono premi, se non il piacere di condividere e mostrare ad altri appassionati il proprio lavoro. Tutti i partecipanti selezionati, professionisti e non, avranno a disposizione lo stesso tempo per presentare il proprio lavoro.

INFORMAZIONI SULLA SERATA

Per accedere alla serata è necessaria la prenotazione, comunicando il nome e il numero dei partecipanti via mail all’indirizzo: milan@slideluckpotshow.com

Siete invitati a contribuire con un “potluck”, cioè un contributo culinario da condividere con tutti gli ospiti.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI
milan@slideluckpotshow.com

oppure
TERZATENDINA allo 02.29518893
ALESSANDRO al 328.3820725
Il luogo della serata verrà comunicato in seguito attraverso questo sito, la pagina di Facebook, il sito internazionale, e altri canali.

FOOD FOR FUTURE – New!

foodforfuture

FOOD FOR FUTURE

The first edition of FOODAM | Food Design & Art Museum is called FOODforFUTURE and aims to investigate the future of food, the frontiers of its consumption and manipulation. FOODforFUTURE examines the role of food in changing the future, rather than imagining how food itself will change.  Imagining scenarios, applications, utensils and consistencies goes beyond merely transferring scientific and technological developments to comestible material.  The initiative implies a redefinition of these ideas, the construction of new relational systems and an evolution in interpretive processes. Notwithstanding this analysis, the need at the base remains constant: to nourish. What changes is the language and the way of representing reality, even in its most ‘concrete’ and basic forms. The invitation to participate at the event is open to companies, students and visionary designers who wish to showcase their ideas and projects.

The project is been presented during the Salone del Mobile 2011 in Milan, Italy. During the presentation FOODAM a first selection of ideas, projects and food-design products which demonstrate the applications and future scenarios of food is been presented to the press.

APPLICATION

Potential candidates must send the applications relating to their projects.
The first stage of application is free of charge and open to companies, professionals, schools and individual visionaries. In the case of groups, studios, companies or schools wishing to participate, a single reference person must be named who will be the sole point of contact with the initiative’s organisers. In the case of students or classes, applications must be coordinated by a teacher who will be considered the representative of the project.

Applications may be registered by sending the following materials to info@foodam.com:

1) a project description – download the “foodforfuture_application_form” (a separate form must be filled out for each project –  please follow the instructions as set out on the form).
2) images, presentation or video footage of the project in a compressed file (the images must be in JPG, 72 dpi, RGB with horizontal size of 600px – video would be better to be aploaded on youtube)

Applicants may submit more than one project, each project must sent individually.
Emails must have  “FOODforFUTURE Application form” in the subject field.  Applicants will receive an email confirming receipt for each project sent.

SELECTION PROCESS

A jury will select the most interesting projects and their choice will be communicated via e-mail to the successful applicants.
Participation in the exhibition is subject to selection by the jury.

JURY
The jury will be made up of professionals and academics from the various disciplines involved in the exhibition.

WHEN

The launch of the next FOODforFUTURE exhibition will take place in 2012. During the exhibition FOODAM will presents a selection of ideas, projects and food-design products which demonstrate the applications and future scenarios of food. The invitation to participate at the event is open to companies, students and visionary designers who wish to showcase their ideas, visions and projects.