Edible Selby Book Sneak Peak

Todd Selby have been portraying creative people and their lifestyle by some beautiful photography work on The Selby. He is careful with details focusing unusually interesting musicians, artists, designers, and actors in their places. After Todd’s first book, The Selby is In Your Place, he launches  Edible Selby.

Todd recently launched Edible Selby, in collaboration with NYTimes T Magazine in which he photographs the most creative and interesting people in food around the world.

EdibleSelby_Int_ReleasedToPrinter_3_29-76

EdibleSelby_Int_ReleasedToPrinter_3_29-3

Photographer Todd Selby is back, this time focusing his lens on the kitchens, gardens, homes, and restaurants of more than 40 of the most creative and dynamic figures working in the culinary world today. He takes us behind the scenes with Noma chef René Redzepi in Copenhagen; to Tokyo to have a slice with pizza maker Susumu Kakinuma; and up a hilltop to dine at an inn without an innkeeper in Valdobbiadene. Each profile is accompanied by watercolor illustrations and a handwritten questionnaire, which includes a signature recipe. Reveling in the pleasures of a taco at the beach, foraging for wild herbs, and the art of the perfectly cured olive, Selby captures the food we love to eat and the people who passionately grow, cook, pour, and serve these incredible edibles every day. Plus it comes with magnets for your fridge.

EdibleSelby_Int_ReleasedToPrinter_3_29-62 EdibleSelby_Int_ReleasedToPrinter_3_29-61 EdibleSelby_Int_ReleasedToPrinter_3_29-51 EdibleSelby_Int_ReleasedToPrinter_3_29-34 EdibleSelby_Int_ReleasedToPrinter_3_29-27

 

Get to see more on The Selby.

Michael Pollan’s Food Rules

Based on Michael Pollan’s talk “Food Rules” given at the RSA, this animation was created in the context of the RSA/Nominet Trust film competition. Using a mixture of stop-motion and compositing, our aim and challenge was to convey the topic in a visually interesting way using a variety of different food products. We made a little table top set up at home and worked on this a little over three weeks.

More information available at benoitdetalle.com/food-rules

Here are also some photos of Michael Pollan’s Food Rules in the making
flickr.com/photos/horror_vacui/sets/72157629336379435/

 

By 
WebMD Health News

Reviewed by Louise Chang, MD

 ——————————————-

Also read a post from WebMD, March 23, 2009

————————————-

— We Americans suffer a national eating disorder: our unhealthy obsession with healthy eating.

That’s the diagnosis delivered by food author Michael Pollan in a lecture given last week to an overflow crowd of CDC scientists.

As part of an effort to bring new ideas to the national debate on food issues, the CDC invited Pollan — a harsh critic of U.S. food policies — to address CDC researchers and to meet with leaders of the federal agency.

“The French paradox is that they have better heart health than we do despite being a cheese-eating, wine-swilling, fois-gras-gobbling people,” Pollan said. “The American paradox is we are a people who worry unreasonably about dietary health yet have the worst diet in the world.”

In various parts of the world, Pollan noted, necessity has forced human beings to adapt to all kinds of diets.

“The Masai subsist on cattle blood and meat and milk and little else. Native Americans subsist on beans and maize. And the Inuit in Greenland subsist on whale blubber and a little bit of lichen,” he said. “The irony is, the one diet we have invented for ourselves — the Western diet — is the one that makes us sick.”

Snowballing rates of obesity, diabetes, and heart disease in the U.S. can be traced to our unhealthy diet. So how do we change?

7 Words & 7 Rules for Eating

Pollan says everything he’s learned about food and health can be summed up in seven words: “Eat food, not too much, mostly plants.”

Probably the first two words are most important. “Eat food” means to eat real food — vegetables, fruits, whole grains, and, yes, fish and meat — and to avoid what Pollan calls “edible food-like substances.”

Here’s how:

  1. Don’t eat anything your great grandmother wouldn’t recognize as food. “When you pick up that box of portable yogurt tubes, or eat something with 15 ingredients you can’t pronounce, ask yourself, “What are those things doing there?” Pollan says.
  2. Don’t eat anything with more than five ingredients, or ingredients you can’t pronounce.
  3. Stay out of the middle of the supermarket; shop on the perimeter of the store. Real food tends to be on the outer edge of the store near the loading docks, where it can be replaced with fresh foods when it goes bad.
  4.  Don’t eat anything that won’t eventually rot. “There are exceptions — honey — but as a rule, things like Twinkies that never go bad aren’t food,” Pollan says.
  5. It is not just what you eat but how you eat. “Always leave the table a little hungry,” Pollan says. “Many cultures have rules that you stop eating before you are full. In Japan, they say eat until you are four-fifths full. Islamic culture has a similar rule, and in German culture they say, ‘Tie off the sack before it’s full.'”
  6. Families traditionally ate together, around a table and not a TV, at regular meal times. It’s a good tradition. Enjoy meals with the people you love. “Remember when eating between meals felt wrong?” Pollan asks.
  7. Don’t buy food where you buy your gasoline. In the U.S., 20% of food is eaten in the car.

Food & Fashion

Food and fashion may seem like unlikely bedfellows but a new generation of designers are trading in their cutting tables for stovetops. Welcome to the intersection of haute couture and haute cuisine, part of a brave new world where clothing can be made without cloth and textiles are, quite literally, good enough to eat.

fashion-qmilk-537x402

QMILK (FABRIC MADE FROM SPOILED MILK)

The brainchild of German designer Anke DomaskeQmilk is the trademarked name for a form of milk fiber, a silky textile derived from an odorless protein found in mammalian milk. Domaske extracts casein only from soured “secondary milk” that’s no longer for human consumption and headed for disposable. Unlike comparable milk-based fibers, Qmilk makes efficient use of water (2 liters for every kilogram of fabric), requires no harmful chemicals, and leaves behind zero waste.

fashion-gastronomy-samantha-murray-537x402SWEET SUSPENSION (FRUIT-FLAVORED DRESSES)

For New Zealand designer Samantha Murray, turning liquid into clothing wasn’t just an audacious experiment, it was also an exercise in rethinking garment construction. The recent graduate, who developed her “Sweet Suspension” collection during her final year at Massey University, combined the shapes of classical sculpture with the “texture of gummy lollies” to create five, fruit-scented forms. “For me, this collection was entirely about the process: pushing boundaries, creating previously impossible shapes, and exploring the potential of the idea,” she tells Ecouterre.

fashion-gastronomy-de-culinaire-werkplaats-537x402

DE CULINAIRE WERKPLAATS (EDIBLE FRUIT AND VEGETABLE TEXTILES)

Clothing as dessert? Get any tawdry ideas out of your head, dear reader; this concept is anything but. Eric Meursing and Marjolein Wintjes, owners of De Culinaire Werkplaats, a design-studio-cum-restaurant in Amsterdam, built their reputation on edible pastry wrappers made from dehydrated fruits, vegetables, and herbs. Described as a “novel eating initiative and experience,” De Culinaire Werkplaats draws inspiration from seemingly unrelated sources, from architecture to emotions. “Taste the Unwearables,” a series of fabrics made from vegetables, fruits, and herbs, is part call to eat more greens, part commentary on the ephemeral nature of fashion.

Post from Ecouterre

Progetto Cibo La forma del gusto

Mart, Rovereto

09 FEBBRAIO 2013 / 02 GIUGNO 2013
“Cosa differenzia la stratificazione delle lasagne da quella del tiramisù? Come si costruisce un tortellino? Quali sono le geometrie del cannolo siciliano? Al Mart, una mostra da mangiare con gli occhi e percepire con i sensi”
In questi ultimi anni il dibattito intorno al cibo ha raggiunto livelli inediti di coinvolgimento del pubblico. E anche il mondo del design, che sempre registra e spesso anticipa le tendenze estetiche e culturali, ma anche socioeconomiche e antropologiche, ha dedicato grande attenzione al mondo dell’alimentazione, mostrando creatività, curiosità e grande capacità innovativa.

A “Progetto Cibo” partecipano designers e architetti come Enrico Azzimonti, Bompas&Parr, Achille Castiglioni, Lorenzo Damiani, FormaFantasma, Giorgetto Giugiaro, Marti Guixé, Giulio Iachetti, Alessandro Mendini, Alkesh Parmar, Gaetano Pesce, Diego Ramos, Philippe Starck e chef di livello assoluto come Gualtiero Marchesi, oltre a Bruno Barbieri, Massimo Bottura, Antonio Canavacciuolo, Carlo Cracco, Daniel Facen, Davide Oldani, Davide Scabin.

Il percorso espositivo, suddiviso per aree tematiche, si apre presentando l’architettura di cibi “anonimi” che nella loro sofisticata e precisa costruzione sono dei veri e propri progetti. Attorno a un alimento così basilare e onnipresente come il pane, o a pietanze molto connotate geograficamente come il sushi o lo strudel, si celano spesso disegni progettuali frutto di un accorto compromesso tra immagine, gusto e produzione.
La pasta ideata da Giorgetto Giugiaro, Mauro Olivieri e Christian Ragot è emblematica di come la creatività dei designer converga con la produzione industriale.

I “food architects” hanno oggi una libertà pressoché infinita di modulare forma e funzione. É da qui che nascono oggetti come la “Penna edibile” di Martì Guixè, il “Golosimetro” di cioccolato di Paolo Ulian e lo “Sugar Spoon” di Marije Vogelzang.
In molti casi è la forma stessa di un prodotto ad essere pensata e sviluppata come elemento decorativo: in mostra si vedranno le gelatine di Bompas & Parr che riproducono la Cattedrale di St Paul a Londra, la “Bread Palette” (fetta biscottata a forma di tavolozza) di Ryohei Yoshiyuki o lo “Speculoos” di Delphine Huguet, biscotto che si adatta alla tazzina da caffè. Oggetti in cui si coglie un’ironia sottotraccia, che diventa invece distacco divertito nelle creazioni di Matteo Ragni, Diego Ramos o Enrico Azzimonti, raccolte in una sezione intitolata “Ironia, metafora e paradosso”.

In mostra anche oggetti di design realizzati con materiali alimentari: i gioielli di cioccolato di Barbara Uderzo, i servizi da tavola di pane di FormaFantasma o il “Decafè” di Raúl Laurí Pla, vincitore del Salone satellite 2012 a Milano. La “Cioccolator” di Alessandro Mendini – una calcolatrice a forma di tavoletta di cioccolato -, o i “Popsicles” di Putput –  spugne sagomate come ghiaccioli – sono invece singolari esempi di oggetti di design che alludono al cibo.

Dopo un progetto site-specific realizzato per il Mart da Marti Guixe, la mostra si conclude con una panoramica che racconta, in video e fotografia, alcuni piatti-icona di grandi chef nazionali e internazionali, e con un’ampia ricognizione sul futuro del design

Un ricco programma di eventi coinvolge chef di livello internazionale, che realizzeranno delle serate di show-cooking nelle sale espositive; workshop con i designer daranno la possibilità di creare gioielli e sculture a partire dai prodotti del territorio. Durante tutto il periodo di esposizione, la visita darà infine l’occasione al pubblico per gustare piccoli omaggi e incontrare i protagonisti della mostra.

Fluxus Concert – An Anthology 1962/2012 – M.A.X.MUSEO

Fluxus Concert M.A.X.MUSEO Chiasso

Schiacciare una noce non è certo un’arte, quindi nessuno osa radunare un pubblico e intrattenerlo schiacciando noci. Se invece lo fa e riesce nel suo intento, allora, appunto, non può trattarsi di un semplice schiacciare le noci. Oppure si tratta di schiacciar noci, ma ne risulta che non ci si è mai accorti di quell’arte, perché la si dominava senza difficoltà, e che solo quel nuovo schiacciatore di noci ce ne rivela l’essenza: ai fini del risultato potrebbe essere addirittura vantaggioso che egli fosse un poco meno abile nello schiacciar noci di quanto non lo sia la maggioranza di noi.

Franz Kafka, “Josephine, la cantante dei topi”

______________________________________________________

Pezzi di: Ay-O , George Brecht, Al Hansen, Dick Higgins, Joe Jones, Alison Knowles, Takehisa Kosugi, Shigeko Kubota, George Maciunas, Walter Marchetti, Nam June Paik, Ben Patterson, Terry Riley, Tomas Schmit, Mieko Shiomi, Ben Vautier, Robert Watts, La Monte Young

Coordinamento: Gianni-Emilio Simonetti

Performers: Vito Gionatan Lassandro, Giulia Tacchini

______________________________________________________

John Cage, Variation IV, 1963

Esecutori: Gianni-Emilio Simonetti, Vito Gionatan Lassandro

______________________________________________________

24 MAGGIO 2012 ORE 20:30, M.A.X.MUSEO VIA DANTE ALIGHIERI 6 CHIASSO
entrata libera

Non ci sono più le crisi di una volta – FLUXFOOD 1.2.12

AAF - non ci sono più le crisi di una volta - fluxus performanceAAF - non ci sono più le crisi di una volta - fluxus performanceAAF - non ci sono più le crisi di una volta - fluxus performanceAAF - non ci sono più le crisi di una volta - fluxus performanceAAF - non ci sono più le crisi di una volta - fluxus performanceAAF - non ci sono più le crisi di una volta - fluxus performanceAAF - non ci sono più le crisi di una volta - fluxus performance

L’opera d’arte, verità selvatica, si ritorce contro l’artista-addomesticatore che tenta di insegnarle come ci si comporta ad una inaugurazione.

Premessa

“Sappiamo pensare un tutto senza parti, ma non sappiamo rappresentarci una parte senza tutto poiché una parte è necessariamente una parte di un tutto. […] Ne consegue che le parti, dunque, non rinviano solo ad un tutto, ma anche alle altre eventuali parti del tutto. […] Nella cultura greca la parte era associata alla grandezza, nel senso che non era grande ciò che non era formato di parti. […] Un convincimento condiviso dai doganieri americani che, in occasione di una mostra di Constantin Brâncuşi (1876-1957) negli Stati Uniti, non volevano classificare come opera d’arte una delle molte versioni di Uccello nello spazio (questa opera fu iniziata nel 1914 e fu considerata finita nel 1940, dopo ventidue versioni). Il motivo era cartesiano, l’opera non appariva un’opera per il solo fatto che non aveva parti, ma sembrava, piuttosto, un’unica massa di fusione, cioè, non avendo parti non aveva un valore formale.” – Gianni-Emilio Simonetti

Discussione

Barack Obama, parlando della ritirata dalle terre irachene, ha notato con rammarico che non ci sono più le vittorie di una volta. I conflitti della modernità hanno perduto la testa. Appaiono senza volto poiché viene meno la possibilità di iconografarne l’epilogo: la vittoria di una delle parti riassunta da una immagine feticcio che racchiuda il tutto avvenuto. Lo spettatore vive il conflitto o la crisi a puntate, la non-fine di ognuna delle quali lascia qualcosa in sospeso per la successiva impedendo che si possa parlare di vittoria o sconfitta. Le rubriche di economia e le cronache di guerra si limitano a un riassunto di sangue, disperazione e paura fatto di termini tecnici volutamente vaghi e numeri non quantificabili. Il dato (quantitativo) si impone sul fatto (qualitativo) come misura razionale di un avvenimento illogico. Se ne possono afferrare solo dei frammenti, delle immagini anonime di soldati, di feriti, di poveri, di proteste, di resti, di lacrime che appartengono a ogni crisi e a ogni guerra del presente, privi di dignità o di ragioni proprie. Didascalie di parti che hanno smarrito il loro tutto, il loro senso. Resta al più in un bilancio, diverso per ogni fonte e mai ufficiale.

Svolgimento

Cogliere il conflitto ed essere parte del conflitto.
200 kg di farina, 100 l d’acqua, 500 g di lievito.
Due performer cominciano a creare un impasto.
Altri due aggiungono gradatamente sempre più acqua e farina.
Crescendo il composto prende il sopravvento sui performer.
Quando sopraggiunge eccessiva stanchezza i due performer si ritirano.
L’impasto continua a lievitare.

A cura di

Vito Gionatan Lassandro

Esecutori

Vito Gionatan Lassandro
Andrea Vigna
Kenza Meskini
Viviana Luccisano

Luogo

AAF – Affordable Art Fair Milano
1 febbraio 2012
Superstudio Più, via Tortona 27
ore 18.00-22.00 (solo su invito)

Grazie

Lago cucine
Luigi Caccaro – Molino di Gallarate

Convivio: a tavola tra cibo e sapere

5 dicembre 2011 – 26 marzo 2012 La Fondazione Corriere della Sera, in vista dell’Expo 2015, organizza un ciclo di otto lezioni accompagnate da letture e immagini per riflettere sul rapporto tra cibo e cultura. Ogni incontro sarà corredato da letture interpretate da attori del Piccolo Teatro. Completano la serata, rendendola più suggestiva e spettacolare, proiezioni di filmati (Piccolo Teatro Grassi, Via Rovello 2 Milano. Ingresso libero solo con prenotazione Tel. 02.87387707).

_____________________________________________________________

5 dicembre 2011
ore 20.30
Arte moderna e contemporanea a tavola

Germano Celant
direttore della Fondazione Prada, Milano e curatore della Fondazione Vedova, Venezia e Fondazione Aldo Rossi, Milano

_____________________________________________________________

16 gennaio 2012
ore 20.30
La sacralità del cibo

Dionigi Tettamanzi
Cardinale, Arcivescovo emerito della Diocesi di Milano

_____________________________________________________________

23 gennaio 2012
ore 20.30
La politica a tavola nell’Italia unita

Gian Antonio Stella
editorialista del Corriere della Sera

_____________________________________________________________

30 gennaio 2012
ore 20.30
“Io me te magno” Il cinema italiano a pranzo

Paolo Mereghetti
critico cinematografico e giornalista del Corriere della Sera

_____________________________________________________________

5 marzo 2012
ore 20.30
Cucina e identità nazionale

Massimo Montanari
professore di Storia medievale e di Storia dell’alimentazione all’Università degli Studi di Bologna

_____________________________________________________________

12 marzo 2012
ore 20.30
L’ultima cena

Pietro C. Marani
professore di Storia dell’arte moderna al Politecnico di Milano

_____________________________________________________________

19 marzo 2012
ore 20.30
Il Simposio

Massimo Cacciari
professore di Filosofia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano

_____________________________________________________________

26 marzo 2012
ore 20.30
A tavola con gli antichi

Eva Cantarella
professoressa di Diritto greco all’Università degli Studi di Milano

_____________________________________________________________

scarica il pdf del ciclo di incontri cliccando sull’immagine sottostante

via expo2015.org

orticoltura tra iconografia e didattica

Una preziosa collezione di tavole botaniche
realizzate a scopo didattico e di ricerca nella prima metà del 1900 raffiguranti ortaggi e frutti del secolo scorso, sono state soggetto di un importante intervento di catalogazione e salvaguardia a cura di Rossopomodoro.

Alla realizzazione delle oltre 700 illustrazioni conservate presso gli archivi della Facoltà di Agraria dell’Università di Napoli Federico II, contribuirono illustratori professionisti e dilettanti guidati dalla determinazione e passione di più titolari di cattedra e docenti, che si succedettero presso lo stesso Istituto.

credits L’espresso

Le preziose illustrazioni sono state salvate ed archiviate in digitale pronte per la pubblica fruizione su web. I dipinti potranno essere ammirarti presso il  Museo della Biodiversità dell’ortofrutticoltura allestito nella stessa Facoltà di Agraria di Napoli, rappresentano la memoria di varietà di frutta e ortaggi presenti in Italia nel secolo scorso  alcuni dei quali oggi a rischio di estinzione.