I più grossi macelli della storia

Il più grosso centro di commercio e macellazione di bestiame mai esistito sulla terra apre i battenti a Chicago il giorno di Natale del 1865, un’area immensa sul lato sud della città denominata “Packingtown” dove vennero fondate le “Union Stockyards” le prime e più famose “Armour” (per i suini) e “Swift” (per i bovini) capaci di lavorare decine di migliaia di animali al giorno, i recinti di sosta potevano arrivare a contenere 400.000 capi, vi venivano scaricati direttamente dai vagoni dei treni attraverso una moderna rete ferroviaria e provenivano dalle immense praterie del centro e ovest degli Stati Uniti, poi tramite percorsi sopraelevati le mandrie giungevano fin dentro agli stabilimenti.
A cavallo del 1900 vi lavoravano 25000 persone provenienti da diverse parti del mondo, Tedeschi, Irlandesi, Lituani, Slavi, Polacchi ed in seguito Afro-Americani e Messicani e si produceva l’82 % della carne consumata negli USA e non solo carne ma anche numerosi sottoprodotti quali, cuoio, sapone, strutto, bottoni, fertilizzanti, ammoniaca, colla, ecc…
Moderno e innovativo era il sistema di produzione, infatti e qui che nacquero le prime catene di montaggio, o meglio di “smontaggio” che permettevano ad operai non specializzati e che non parlavano l’inglese di imparare a fare una sola e semplice operazione e fare sempre quella, da qui, dopo una visita agli stabilimenti, Henry Ford prese lo spunto per la produzione delle automobili.
Il declino avvenne intorno al 1955, anno in cui chiusero molte delle società e poi definitivamente il 31 Luglio 1971
Questa storia mi ha affascinato sin da piccolo, avevo un’enciclopedia con delle immagini dell’epoca da cui è partito il mio interesse, poi recentemente mi sono documentato meglio con le ricerche su internet, stupendo è il libro “The Jungle” di Upton Sinclair del 1906, ho faticato un pò per trovarlo ma ve lo consiglio vivamente, descrive le condizioni disumane in cui lavoravano, e spesso perdevano la vita, i poveri operai immigrati, malpagati e senza l’ombra dei più banali diritti, fino a quando i sindacati non cominciarono a muovere i primi passi. L’uscita del libro scioccò l’America anche perché descriveva il modo con cui si producevano salsicce e cibi vari senza badare troppo all’igiene ed a ciò che vi finiva dentro, celebre la frase dello scrittore stesso che disse “volevo colpire l’America al cuore ma l’ho colpita allo stomaco”

dei rari filmati del 1897
http://www.youtube.com/watch?v=YQy_HM1eW9w&NR=1
http://www.youtube.com/watch?v=2qx2iufC … re=related
http://www.youtube.com/watch?v=zg0HPCJv … re=related

ed un servizio recente:
http://www.youtube.com/watch?v=7wWLWg4WmZ4

800px-Livestock_chicago_1947.jpg

schwarzschild%20&%20sulzberger%20beef%20kill.jpg

beef%20cutting%20u_s_%20yards.jpg

union%20stock%20yards%20knockout.jpg

u%20s%20y%20knocking%20cattle.jpg

yvu.jpg

swift%20co%20aerial%20view.jpg

hog%20wheel.jpg

unloading%20hogs%20u_s_%20yards.jpg

Uno dei protagonisti della Meatpacking di Chicago è Gustavus Franklin Swift (1839-1903) fondatore di una delle più grandi società operative negli USA che rivoluzionò l’industria della lavorazione della carne, infatti fu il primo a sperimentare gli impianti di refrigerazione su mezzi di trasporto, camion e vagoni ferroviari, inoltre cominciò a sfruttare e valorizzare al massimo tutti i sottoprodotti e gli scarti derivati dalle lavorazioni in modo che nulla andasse sprecato, “del maiale solo il grugnito è inutilizzabile!” era il motto a Packingtown.
Swift nacque il 24 Giugno 1839 a Cape Cod nel Massachusetts aveva altri 11 fratelli e studiò fino all’età di 14 anni, poi abbandonò la scuola e cominciò a lavorare nella macelleria del fratello. Non era soddisfatto in quando non intravedeva grosse prospettive per il suo futuro, cosi a 16 anni decise di trasferirsi da solo a Boston, il padre allora per convincerlo a restare gli donò 25 dollari e lui rinunciò.
Andò in una fattoria vicina ed acquistò una giovenca che pagò 19 dollari, la macellò e fece la vendita della carne porta a porta ricavandone 10 dollari di profitto, da allora in poi cominciò ad andare settimanalmente al mercato per acquistare dei capi e così ebbe inizio la sua carriera nel commercio del bestiame.
Nel 1859 aprì un negozio di macelleria, poi un secondo in un’altra città ed in seguito altri ancora e sposò Annie Higgins da cui avrebbe avuto 9 figli.
Mise a punto alcuni principi di psicologia della vendita al dettaglio che furono il segreto del suo successo, rese la carne più attraente sistemandola su vassoi di marmo bianco, cominciò a fare tagli e porzioni piccole che sembravano indurre il cliente a comprare di più e più spesso, presentava al meglio i tagli di cui necessitava disfarsi per prima ed inoltre le sue macellerie si distinguevano per l’ordine e la pulizia.
Nel 1872 si mise in società con James A. Hathaway commerciante di bestiame di Boston, ampliò il giro d’affari verso ovest, Albany, Buffalo e New York, infine nel 1875 si stabilì a Chicago.
Swift era ossessionato dal contenimento dei costi di produzione, fermamente convinto che far viaggiare animali vivi fino alla costa atlantica fosse una strategia inefficiente in quando gli animali dovevano essere alimentati durante il viaggio, molti morivano o si ferivano e dal momento che le ferrovie venivano pagate a peso, riuscendo a far viaggiare la carne il peso veniva ridotto circa del 40%.
Nel 1877 finì la società con Hathaway ed ebbe una buonuscita di 30.000 dollari, parte di tali fondi li utilizzò per assumere un’ingegnere che perfezionò un sistema di refrigerazione su mezzi di trasporto, all’interno dei vagoni veniva fatta circolare aria raffreddata dal ghiaccio.
Così, dopo aver superato una iniziale diffidenza dei consumatori ad acquistare carne prodotta altrove, l’espansione della Swift & Company si estese a tutte le città degli Stati Uniti, Canada ed in seguito Europa e mondo intero.
Il primo esperimento di trasporto carne transoceanico fu fatto con un carico di pecore congelate diretto in Inghilterra.
Swift, Morris e Armour erano conosciuti come i Baroni della carne di Chicago e presto l’opinione pubblica si rivoltò contro con quello che fù definito il “carni trust”.
Nel 1902 le società subirono un controllo federale e vennero incriminate per aver cospirato per la fissazione dei prezzi della carne, fu la prima azione penale antitrust.
Loro, in risposta, si unirono e fondarono un’unica società che permise loro di restare sempre i più forti.
Gustavus Swift mori a Chicago il 29 Marzo 1903 per emorragia interna in seguito ad un’operazione chirurgica, la gestione della società rimase nelle mani della famiglia.
Nel 1905 seguirono altre inchieste nei confronti della Swift & Co e la corte suprema degli Stati Uniti emanò una serie di provvedimenti atti a regolamentare l’industria della carne. Vennero fondati organi ispettivi come il “Pure Food and Drug Act” del 1906, il “Meat Inspection Act” ed il “Packers and Stockyards Act” del 1921.
La società fondata da Swift esiste ancora oggi come “Swift-Armour-Eckrich” di proprietà della Conagra. http://www.armour-eckrich.com/index.php

330px-Early_refrigerator_car_design_circa_1870.jpg

alle estremità del vagone si notano i contenitori di ghiaccio che venivano riforniti da botole sul tetto

325px-One_of_the_first_cars_out_of_the_Detroit_plant_of_American_Car_%26_Foundry_-_Built_1899_for_Swift_Refrigerator_Line_-_Chicago_Historical_Society.jpg

350px-Swift_Brands_South_Chicago_IL_meat_packing_plant_circa_1917.jpg

Gustavus_Swift_enlarged.jpg

Gustavus_Swift

—————————-

via | forumdiagraria

grazie ad Aldo

Questo articolo è stato pubblicato in ECONOMY, MARKETING, STORY e contrassegnato come , da FOODA . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su FOODA

FOODA – Associazione per il Food Design – è un’organizzazione di progettisti, studiosi, comunicatori, aziende e istituzioni con fuoco sullo studio, la progettazione e l’innovazione degli Atti Alimentari. FOODA promuove la cultura progettuale degli Atti Alimentari assolvendola a elemento culturale, economico e ambientale di fondamentale importanza per la società contemporanea e futura, dando impulso all’innovazione di processo e di prodotto e potenziando le competenze degli operatori del settore. Obiettivo di FOODA è definire la disciplina del Food Design, il ruolo e le competenze del Food Designer; incrementare la consapevolezza, lo studio, la ricerca e l’interdisciplinarietà all’interno del paradigma degli Atti Alimentari promuovendo una corretta gestione e una progettazione sostenibile dei processi, dei prodotti e degli immaginari legati al cibo. FOODA intende perseguire i suoi obiettivi per mezzo di iniziative culturali, progetti di studio e ricerca autonomi e in cooperazione con enti e aziende, fornendo formazione e informazione professionale ai suoi soci, consulenza specializzata agli operatori del settore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...