La verdura fresca (e bio) arriva a casa con un sms

A Cigole, nel Bresciano, nasce «Ortaie»: il progetto di due cugine fashion-manager convertite all’agricoltura

Idee – servizio a domicilio a poche ore dal raccolto. La verdura fresca (e bio) arriva a casa con un sms

A Cigole, nel Bresciano, nasce «Ortaie»: il progetto di due cugine fashion-manager convertite all’agricoltura

Maria Vittoria Resta e Angelica Martinoni, di «Ortaie» (Fotogramma)
Maria Vittoria Resta e Angelica Martinoni, di «Ortaie» (Fotogramma)

Le donne dell’orto hanno detto sì. E così, la dove c’era il piccolo terreno di una contadina di Cigole, nel Bresciano, ora c’è un orto di 7.000 metri quadri che produce frutta e verdura per le famiglie che scelgono di essere servite a domicilio a poche ore dal raccolto. Mangiare cibi sani (anche) in una giungla d’asfalto come Milano, la sfida bucolica di Maria Vittoria Resta e Angelica Martinoni, fondatrici di «Ortaie». Un’idea nata dal successo che riscuotevano alle cene di famiglia le verdure di Gabriella Pettinari, oggi guru agricola di due cugine trentenni che hanno optato per un’inversione a «u» nella propria vita. Dal caos frenetico della moda al caos calmo del coltivare la terra. Angelica, dopo quattro anni a New York per Marni e Maria Vittoria che organizzava eventi per «Vogue», hanno iniziato ad arare la terra a gennaio. Ad aprile i primi raccolti, il 4 maggio la prima consegna. Solo frutta di stagione e varietà sempre nuove: «Quando siamo in giro incontriamo contadini che ci danno consigli e ci regalano le piantine dello loro terre», racconta Maria Vittoria.

Nell’orto di «Ortaie» sono arrivati carciofi del Lazio, fave di Capalbio, peperoncini e i pomodori pugliesi. E, dopo un’estate caldissima, un’invasione di pomodoro finita in conserve sotto vuoto. Le ragazze partono per il campo all’alba e tornano in città al tramonto. Curano l’intera fase della produzione usando solo antiparassitari naturali: concimano, seminano, strappano erbacce e raccolgono. Il martedì è giorno di consegna. Una media di 50 al giorno. «Ormai siamo allenate anche al raccolto negli orari caldi, la cosa più scomoda resta il traffico del centro di Milano», racconta Angelica alla guida del pulmino provvisoriamente affittato (presto ce ne sarà uno aziendale).

Il cliente sceglie il tipo di abbonamento compilando un modulo (a breve da www.ortaie.it sarà possibile anche ordinare online). In base alle abitudini delle famiglie (ogni volta schedate), le ragazze riempiono le scatole con i prodotti di giornata. Alla sera una pioggia di sms. Delle signore che raccontano ricette o delle mamme incredule per i loro bambini che iniziano a mangiare verdura: «Una nonna ci ha scritto che ha svezzato il nipotino con le nostre zucchine».

Stefano Landi

Via corriere.it

About these ads
Questo articolo è stato pubblicato in FOOD AND GASTRONOMY, MARKETING, RETAIL, TRACKING e contrassegnato come , , , , , , , da FOODA . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su FOODA

FOODA – Associazione per il Food Design – è un’organizzazione di progettisti, studiosi, comunicatori, aziende e istituzioni con fuoco sullo studio, la progettazione e l’innovazione degli Atti Alimentari. FOODA promuove la cultura progettuale degli Atti Alimentari assolvendola a elemento culturale, economico e ambientale di fondamentale importanza per la società contemporanea e futura, dando impulso all’innovazione di processo e di prodotto e potenziando le competenze degli operatori del settore. Obiettivo di FOODA è definire la disciplina del Food Design, il ruolo e le competenze del Food Designer; incrementare la consapevolezza, lo studio, la ricerca e l’interdisciplinarietà all’interno del paradigma degli Atti Alimentari promuovendo una corretta gestione e una progettazione sostenibile dei processi, dei prodotti e degli immaginari legati al cibo. FOODA intende perseguire i suoi obiettivi per mezzo di iniziative culturali, progetti di studio e ricerca autonomi e in cooperazione con enti e aziende, fornendo formazione e informazione professionale ai suoi soci, consulenza specializzata agli operatori del settore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...